Esegui ricerca
SearchEsegui ricerca

8. Gestire un sito multilingue

Lo sforzo editoriale sarà ovviamente proporzionale al numero di istanze che decidi di creare. Meglio inserire, nella prima fase, solo le lingue strettamente necessarie per non appesantire il budget con alti costi di traduzione (l’inglese e lo spagnolo spesso garantiscono un’ampia copertura dei mercati internazionali) e di coordinamento editoriale.

Per realizzare un sito multilingue è fondamentale tenere in considerazione:

  • costi di duplicazione delle varie istanze
  • la capacità del CMS di importare tutti i dati (fotogallery, allegati...) contenuti nel sito italiano
  • la gestione dei domini e delle URL delle varie istanze del sito.

L’analisi delle statistiche mi farà capire, nel tempo, quali sono le istanze del sito più utilizzate. Per contenere gli investimenti potrò anche aggiornare con maggior frequenza solo quelle più utilizzate dagli utenti (posso concentrarmi, ad esempio, sulle istanze in italiano e in inglese).

Dovrò anche scegliere quale istanza verrà visualizzata dall’utente in prima battuta. Quasi sempre la scelta per un’azienda italiana è se privilegiare la home page in lingua inglese o quella italiana.

Per scegliere posso ragionare:

  • in termine di fatturato (se l’export rappresenta più del 50% del mio fatturato, sceglierò l’inglese)
  • a seconda del traffico utenti (se le visite degli utenti italiani supera il 50% delle visite totali può essere logico visualizzare, per prima, la home page in lingua italiana).

Cerco infine di pensare in termini globali: il pubblico potrebbe non riconoscere termini e convenzioni specifiche. Per esempio, quando cito delle date, è meglio esplicitarle per evitare confusione, quindi "12 marzo 2006" invece di "12/03/2006", che un americano potrebbe interpretare come "3 dicembre 2006".

Un ultimo consiglio pratico: se devi realizzare la versione in russo, in cinese, o in arabo di un sito NON partire dalla versione in italiano (come normalmente si fa per comodità di pubblicazione), ma da quella in inglese. In questo modo le URL semantiche dell'istanza in cui andrò ad inserire manualmente i testi in russo mantengono termini in inglese (invece che in italiano).

Image

Enrico Forzato © 2015 | P IVA 11924160150 Via Nuova, 72 - 45020 Villanova del Ghebbo (RO)  

Contatti | Privacy e cookies policy